Senza categoria

Come ottenere il risarcimento danni dopo un incidente stradale

Come ottenere il risarcimento danni dopo un incidente stradale

Cosa fare dopo un incidente stradale: i consigli dello Studio Legale Avv. Chiara Pollini

Non sai come ottenere il risarcimento danni dopo un incidente stradale? Continua a leggere e troverai le risposte!

Come ottenere il risarcimento danni dopo un incidente stradale.

L’Avv. Chiara Pollini, avvocato civilista con esperienza maturata in infortunistica stradale, esercita la professione in forma autonoma presso il proprio Studio Legale a Vinci – Sovigliana, nelle vicinanze del centro storico di Empoli.

Lo Studio Legale fornisce assistenza legale, sia a coloro che, alla guida del proprio mezzo, sono rimasti vittima di un incidente stradale, sia ai passeggeri trasportati su veicolo altrui coinvolto nell’incidente stradale, sia a coloro che sono stati investiti come pedoni.

Ottenere un risarcimento danni dopo un sinistro stradale non è sempre un’impresa facile per la vittima in quanto, come già detto in altro articolo del blog, il danneggiato deve orientarsi tra gli aspetti legati alla pratica assicurativa e quelli più tecnici e giuridici finalizzati all’accertamento e quantificazione del danno vero e proprio (danno materiale, lesioni personali, fino al più infausto esito), confrontandosi con la compagnia di assicurazioni che, ponendosi come controparte, muoverà contestazioni dirette tendenzialmente a contenere il risarcimento.

È importante, quindi, per ottimizzare la gestione e le tempistiche della pratica di risarcimento danni, affidarsi a uno studio legale che si occupi di infortunistica stradale e che possa consigliare l’avente diritto al risarcimento sin dalla denuncia del sinistro alla assicurazione.

Come comportarsi in caso di incidente stradale: prestare soccorso e comunicare il sinistro all’assicurazione

In caso di incidente, dopo aver assicurato i primi soccorsi del caso, nei limiti delle proprie possibilità e capacità ed eventualmente provveduto a chiamare il 118 in caso di dubbio sulle condizioni di salute proprie e delle altre persone coinvolte, è utile chiamare la polizia per i rilievi del caso.

come ottenere il risarcimento danni dopo un incidente stradale

È consigliabile, poi, evitare discussioni sulla dinamica del sinistro e sulla “colpa” dei conducenti, limitandosi allo scambio delle generalità e degli estremi delle polizze. È sempre utile scattare delle foto del luogo dell’incidente e dei mezzi coinvolti ed è fondamentale farlo quando la Polizia non venga chiamata, oppure ritardi e si debbano spostare i veicoli perché d’intralcio alla circolazione.

I soggetti coinvolti, conducenti e/o proprietari dei veicoli, dovranno comunicare alla compagnia di assicurazioni che si è verificato il sinistro (art. 143 Codice della Strada) e ciò avviene, qualora le parti coinvolte concordino sulla dinamica dell’incidente, tramite il modulo fornito dall’assicurazione medesima: la “Constatazione Amichevole di Incidente”.

Modello CAI e/o comunicazione alla propria assicurazione separata da quella di controparte

Il modello C.A.I. è sottoscritto con lo scopo di agevolare il disbrigo della pratica da parte della Assicurazione. Tuttavia, è consigliabile compilare il modulo soltanto se si è assolutamente convinti e certi della dinamica dell’incidente che ivi si deve necessariamente descrivere. Non è, invece, opportuno sottoscrivere la constatazione in caso si nutrano perplessità sulla ripartizione della responsabilità tra i conducenti dei mezzi coinvolti, perché quanto si è scritto e descritto nel modulo C.A.I. (circostanze e dinamica dell’incidente, conseguenze dell’incidente) ha valenza probatoria tra le parti. Ciò significa che, in un eventuale giudizio per il risarcimento del danno, quanto dichiarato nella “Constatazione Amichevole” sarebbe difficilmente superabile (quanto meno) da parte dei soggetti che lo hanno sottoscritto (conducente/proprietario del veicolo).

Come ottenere il risarcimento danni dopo un incidente stradale: la guida completa

A livello normativo, infatti, l’art. 143, comma 2 del Codice Assicurazioni Private prevede che: “Quando il modulo sia firmato congiuntamente da entrambi i conducenti coinvolti nel sinistro, si presume, salvo prova contraria da parte dell’impresa di assicurazione, che il sinistro si sia verificato nelle circostanze, con le modalità e con le conseguenze risultanti dal modulo stesso“.

Considerando la casistica dei giudizi di merito, è pertanto consigliabile compilare e sottoscrivere il C.A.I. soltanto se la dinamica dell’incidente stradale è lineare e chiara per le parti coinvolte, tenendo presente che non vi alcun obbligo di compilazione del C.A.I..
In caso di dubbio, è invece consigliabile che la denuncia alla compagnia di assicurazioni avvenga con una comunicazione separata, per ciascuno dei mezzi coinvolti nel sinistro, contenente sia la descrizione dell’evento che la richiesta risarcitoria.

Si tenga presente che la sottoscrizione del modello CAI non esclude l’utilità di rivolgersi comunque, successivamente, a uno studio legale che si occupi di infortunistica stradale perché la finalità perseguita dall’avvocato civilista nella gestione dei sinistri stradali è quella di fare avere al danneggiato, che ne ha diritto, il giusto e congruo risarcimento di tutti i danni riportati a causa dell’incidente.

Come si richiede il risarcimento del danno dalla compagnia di assicurazione RCA

Rivolgendosi allo Studio Legale per l’assistenza legale dopo che si è rimasti vittima di un incidente stradale, sarà l’avvocato civilista di Vs. fiducia a inoltrare la denuncia danni alla compagnia di assicurazioni, inviando una comunicazione, completa di tutti i documenti e i requisiti di Legge, che aprirà il sinistro con l’assicurazione di riferimento, ottenendo risposta scritta dalla compagnia con i dati necessari per il proseguo della pratica.

A seconda del caso concreto, la denuncia di sinistro stradale con richiesta risarcitoria sarà rivolta dallo studio legale alla compagnia del danneggiato stesso, oppure alla compagnia della controparte.

La procedura di indennizzo diretto è ormai da lunghi anni in vigore (procedura di liquidazione dei danni subiti in conseguenza di un sinistro stradale tra due veicoli introdotta con Legge n. 248 del 4 agosto 2006 c.d. Decreto Bersani). Essa prevede che, in caso di sinistro tra due veicoli dal quale siano derivati danni ai mezzi coinvolti o ai loro conducenti, i danneggiati devono rivolgere la richiesta di risarcimento direttamente alla propria Compagnia di Assicurazione, anziché alla Compagnia dell’altro veicolo.

La richiesta di risarcimento danni alla propria assicurazione può essere presentata per i danni al veicolo, alle cose trasportate di proprietà dell’assicurato/conducente e per il danno alla persona del conducente, cioè per le lesioni personali riportate a seguito dell’incidente purché si tratti di lesioni di lieve entità (quando i punti percentuali di invalidità sono pari o inferiori a nove).

Come ottenere il risarcimento danni dopo un incidente stradale: danni alla persona

In caso di lesioni personali superiori a nove punti di invalidità, la domanda risarcitoria sarà inoltrata dalla studio legale all’Assicurazione dell’altro veicolo, secondo l’iter preesistente la normativa del 2006.

In estrema sintesi, senza voler essere esaustivi, per richiedere il risarcimento danni alla propria compagnia di assicurazione devono ricorrere le seguenti condizioni:

  • deve trattarsi di incidente tra due veicoli a motore identificati e immatricolati in Italia o nella Repubblica di san Marino o nello Stato del Vaticano (ovvero devono avere una targa italiana);
  • entrambi i veicoli devono essere regolarmente assicurati con una delle assicurazioni autorizzate a praticare in Italia o con una compagnia straniera che abbia aderito alla procedura di risarcimento diretto (se uno dei due veicoli (o entrambi sono) è un ciclomotore, deve essere targato secondo il nuovo regime entrato in vigore il 14 luglio 2006).

L’iter successivo alla richiesta di risarcimento

L’impresa, a seguito della presentazione della richiesta di risarcimento diretto, è obbligata a provvedere alla liquidazione dei danni per conto dell’impresa di assicurazione del veicolo responsabile.
Il danneggiato riceverà una proposta di risarcimento e potrà accettarla o, non ritenendola congrua, rifiutarla.

L’utilità dell’assistenza legale in caso di incidente stradale emerge in particolar modo in questa fase della pratica, dato che affidarsi a uno studio legale che si occupa di infortunistica stradale faciliterà la negoziazione con le compagnie assicurative, ridurrà i tempi di gestione del sinistro e soprattutto condurrà ad ottenere un risarcimento adeguato ai danni subiti dal proprio cliente, giungendo a un accordo stragiudiziale.

Potrà capitare che l’assicurazione proponga al danneggiato una somma ritenuta non soddisfacente; in questo caso, il danneggiato ha il diritto di non accettarla e, tramite il proprio avvocato di fiducia, se ve ne sono fondati presupposti, chiederà l’integrazione, motivando la richiesta sulla base delle prove e degli accertamenti in proprio possesso.

L’impresa di assicurazione, pur a fronte del rifiuto del danneggiato, entro quindici giorni, corrisponde comunque la somma offerta al danneggiato che abbia comunicato di non accettare l’offerta. La somma in tale modo corrisposta è imputata all’eventuale liquidazione definitiva del danno.

Soltanto qualora le trattative con le compagnie assicurative non giungano a buon fine, si dovrà valutare l’opportunità di adire le vie giudiziarie per ottenere il risarcimento adeguato al danno effettivamente riportato.

Come ottenere il risarcimento danni dopo un incidente stradale: assistenza legale completa

Rivolgersi ad uno studio legale che si occupa di infortunistica stradale sarà un supporto fondamentale per poter ottenere il ristoro dei danni pienamente soddisfacente, come previsto dalla legge, sulla base dei costi e delle spese sostenute, sia per il danno alle vetture e/o alle altre cose materiali danneggiate nell’incidente, sia per le lesioni personali, sia per le spese legali resesi necessarie in conseguenza del sinistro stradale. Lo Studio Legale Avv. Chiara Pollini è a disposizione per consulenza e assistenza in caso
di sinistro stradale ai recapiti indicati.

risarcimento danni per incidente stradale

Risarcimento danni per incidente stradale

risarcimento danni per incidente stradale

L’Avv. Chiara Pollini è avvocato civilista, con consolidata esperienza, tra l’altro, in materia di infortunistica stradale e di risarcimento danni per incidente stradale. L’Avv. Chiara Pollini svolge la propria attività nel proprio Studio Legale a Vinci (Firenze), nella frazione di Sovigliana, non lontano dal centro storico di Empoli.

Nello scongiurato caso che si resti coinvolti in un incidente stradale, è sempre consigliabile rivolgersi a uno studio legale che si occupi di infortunistica stradale e di risarcimento danni per incidente stradale, evitando l’auto-gestione della pratica. La consulenza legale dell’avvocato, in caso di danni conseguenti un sinistro stradale, tutelerà il danneggiato dalla frettolosa accettazione di un risarcimento non adeguato all’effettiva entità e gravità dei danni riportati.

Perché rivolgersi ad un avvocato per richiedere il risarcimento danni per incidente stradale

risarcimento danni per incidente stradale

Molteplici danni conseguenti l’incidente stradale: difficoltà comuni nell’auto-gestione della pratica da parte del danneggiato.

I danni conseguenti un incidente stradale possono essere molteplici per cose e persone (danni materiali, patrimoniali, lesioni personali…) ed è necessario che essi siano tutti documentati, provati e quantificati alla compagnia di assicurazione, così da evitare che alcune voci di danno vengano escluse o comunque diminuite di valore al momento della quantificazione delle somme che saranno offerte dall’assicurazione a titolo di risarcimento danni per incidente stradale.
Dunque per la vittima può non essere semplice muoversi tra gli incombenti tecnici e procedurali della pratica, relazionarsi efficacemente con le compagnie assicuratrici e i centri liquidazione sinistri.

Infatti, in conseguenza di incidente stradale, se quantificare il danno subito dal mezzo (auto, motociclo o altro) è reso relativamente agevole dal preventivo delle riparazioni che compilerà l’autocarrozzeria, in caso di lesioni personali e/o di morte a seguito del sinistro stradale, la valutazione della congruità della proposta risarcitoria non è altrettanto semplice. Di conseguenza, senza l’assistenza di un avvocato che abbia esperienza nel settore dell’infortunista stradale e del risarcimento danni per incidente stradale, il danneggiato che abbia riportato nell’incidente un danno alla salute, un danno biologico (e/o i parenti di una vittima, nello scongiurato caso di lesioni-decesso in conseguenza dell’incidente) può non essere in grado di capire se il risarcimento danni per incidente stradale offerto dall’assicurazione sia equo e giusto.

risarcimento danni per incidente stradale

Per ottenere il risarcimento danni per incidente stradale, occorre comunicare tempestivamente all’assicurazione l’avvenuto incidente e l’esistenza del veicolo danneggiato e degli ulteriori beni danneggiati, in modo che siano tutti periziati dall’incaricato della compagnia assicurativa al fine di ottenere il risarcimento corrispondente al loro valore di mercato.

Se dal sinistro stradale sono derivati anche lesioni alla persona (o la più grave conseguenza), finalizzare la pratica richiederà tempi più lunghi, sia alla compagnia assicuratrice, che al danneggiato (o ai suoi eredi, in caso di morte come conseguenza del sinistro), dati i più numerosi adempimenti che devono svolgersi; quindi, la trattazione del sinistro richiederà una maggiore diligenza da parte del richiedente il risarcimento danni per incidente stradale.

La quantificazione del danno da parte del danneggiato e la quantificazione del danno da parte della assicurazione.

risarcimento danni per incidente stradale: perché conviene rivolgersi ad un avvocato civilista

Anzitutto, occorre seguire il percorso di cura/terapia rivolgendosi a medici qualificati e specialisti. Le spese, sovente anche gravose, che il danneggiato sarà costretto ad anticipare per le cure mediche (farmaci, terapie, visite specialistiche e diagnostiche e quant’altro) saranno, poi,  risarcite integralmente dall’assicurazione a condizione che vengano dettagliatamente documentate. Il danneggiato avrà diritto anche alla refusione delle spese per l’assistenza legale.

L’avvocato che assiste la vittima di incidente stradale affianca il danneggiato nella raccolta della documentazione necessaria, parallelamente al percorso di cure e terapie che si renderanno necessarie, sino alla chiusura della malattia i cui postumi, ove esistenti, saranno valutati, nell’interesse del danneggiato, in sede medico legale da medico specialista prescelto dal danneggiato medesimo.

Il danno “fisico”, ovvero il danno alla salute, il danno biologico, verrà indennizzato dalla assicurazione dopo una (successiva seconda) visita medico legale cui la vittima deve sottoporsi presso lo studio medico legale fiduciario della compagnia di assicurazione. L’intervento del medico legale è indispensabile per quantificare i postumi riportati del sinistro stradale (e quindi per quantificare il risarcimento del danno da richiedere alla compagnia di assicurazioni).

Già dall’iter della pratica, qui  descritto in estrema sintesi, si comprende quindi, che in caso di lesioni (specialmente in caso di lesioni gravi – gravissime) riportate in un incidente stradale, ricorrere all’assistenza legale di un avvocato che si occupi di infortunistica stradale può fare una sensibile differenza rispetto a dover affrontare la trattazione del sinistro personalmente, senza essere rappresentati dall’avvocato. Affidarsi a un avvocato che si occupa di infortunistica stradale solleva la persona vittima dell’incidente stradale dalle difficoltà gestionali e garantisce che tutta la procedura sia coordinata correttamente e nel rispetto dei tempi previsti per Legge.

Lo Studio Legale Avv. Chiara Pollini si occupa, tra l’altro, di assistenza legale giudiziale e stragiudiziale in materia di risarcimento dei danni in caso di incidenti stradali e fornisce la propria consulenza seguendo i propri assistiti lungo tutto l’iter della pratica. Per ogni ulteriore informazione, si invita a contattare lo studio legale ai recapiti indicati.